Lettura targhe per monitoraggio ambientale

Nuovo strumento SELEA conforme al bando della regione Lombardia

lettura-targhe-monitoraggio-ambientale_01

Le regioni italiane sono sempre più sensibili al tema della qualità dell’aria e supportano con fondi pubblici i comuni che attivano sistemi di monitoraggio della circolazione dei veicoli.

Ad esempio, attraverso la Delibera n. XI/4272 del’8 Febbraio 2021, la Regione Lombardia ha stanziato € 4.500.000 a favore dell’implementazione di sistemi di lettura targhe per il controllo della circolazione dei veicoli per monitorare l’inquinamento e migliorare la qualità dell’aria.

Nella circolare si fa specifica richiesta per una soluzione che permetta, una volta al mese, l’invio al Dipartimento specifico regionale di 2 report in formato CSV: un file specifico sui transiti e l’altro relativo alla Classe Ambientale del veicolo.

La soluzione per accedere al bando: il nuovo sensore AVPM 10/2.5 SELEA

SELEA ha quindi messo a punto un modulo software apposito per agevolare l’accesso a questi fondi, che permette un’operazione analitica di verifica e l’invio dei file al Dipartimento Regionale per le seguenti voci :

  • Classe Ambientale del veicolo (Euro 0, 1, 2, 3, 4, 5, 6)
  • Dettagli tecnici del veicolo
  • Dettagli di omologazione
  • Dettagli sul tipo di alimentazione del veicolo, e nello specifico:
  • Alimentazione a gasolio
  • Alimentazione a benzina
  • Alimentazione a metano
  • Alimentazione a GPL
  • Alimentazione ibrida (elettrica + benzina)
  • Alimentazione ibrida (elettrica + gasolio)
  • Alimentazione Elettrica

Questa opzione funziona su sistemi CPS con qualsiasi telecamera OCR in commercio e viene venduto con una licenza una-tantum (senza canone). È necessaria una licenza per ogni telecamera che si vuole adibire a questa funzione.
Sugli impianti SELEA in cui è invece già attivo il completo Marca e Modello, queste funzionalità saranno già disponibili di default previo aggiornamento del CPS.

Come il sensore SELEA raccoglie i dati per la qualità ambientale

lettura-targhe-monitoraggio-ambientale_02

Il sensore AVPM 10/2.5 utilizza il principio di scattering della luce laser.
Grazie a questa tecnologia e appositi algoritmi, il dispositivo determina la concentrazione per unità di volume e il diametro delle particelle. Le telecamere vengono collegate con una porta RS485. Il dato di particolato misurato viene riportato all’interno dei metadati trasmessi dalla telecamera e memorizzato all’interno del software CPS.

Scarica la brochure

Cosa sono PM10 e PM 2.5

Con il termine PM, stabilito dall’Unione Europea nella norma UNI EN12341:2014, s’identifica il tipo di particolato. In linea di principio, più il numero utilizzato per indicare le polveri sottili è basso, più sono pericolose per la salute umana.

Con PM 2.5 ci si riferisce a particelle aventi dimensioni minori o uguali a 2,5 micron.
Con PM 10 quelle avente dimensioni di 10 micron.

Mentre le PM10 raggiungono solo i bronchi, la trachea e vie respiratorie superiori, il PM 2,5 è in grado di penetrare negli alveoli polmonari con eventuale diffusione nel sangue, quindi sono ritenute più pericolose.

Vuoi saperne di più?

Questa soluzione SELEA è completamente rispondente ai requisiti richiesti dal bando, evitando all’installatore e al cliente di commettere errori d’interpretazione e perdite di tempo.
Contattaci per avere più informazioni su questa soluzione, richiedere un preventivo o richiedere il nome dell’installatore SELEA a te più vicino.



Aikom Technology è distributore per l’Italia di SELEA, produttore specializzato nella realizzazione di soluzioni per la sicurezza urbana integrata.
Vuoi diventare nostro partner? Mettiti in contatto con noi!

PREV: Tolly Group dichiara che gli access point Wi-Fi 6 di Cambium Networks sono i più performanti sul mercato
NEXT: Nuovo listino SELEA 2021
Newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato sulle novità di Aikom Technology? Iscriviti alla newsletter e riceverai tutte le nostre news e promozioni.

Iscriviti ora alla newsletter 
Tag: